Liberalismo inclusivo. Un futuro possibile per il nostro angolo di mondo

La Grande Crisi Finanziaria e la pandemia hanno provocato la crisi della narrativa neoliberista. Esiste una strada per una nuova narrativa in grado di rafforzare la democrazia, ridurre le diseguaglianze e tenere assieme la libertà economica e il benessere dei cittadini? Per Salvati e Dilmore questa strada esiste ed è quella di un liberalismo inclusivo. Espressione insolita nel mondo della sinistra, anche se l’obiettivo che indica è ben noto: l’aspirazione a tenere uniti gli aspetti più desiderabili di una concezione liberale e di una socialista.

La crisi economica del 2008 e poi la pandemia hanno destabilizzato la società e il sistema economico neoliberisti. Ci siamo così ritrovati a vivere in un interregno. E, come scrisse Gramsci nei Quaderni dal carcere, in un interregno nel quale il vecchio è moribondo, ma il nuovo non riesce a nascere, possono verificarsi i “fenomeni morbosi più svariati”: per esempio l’ascesa di forze e movimenti etno-nazionalisti quali il trumpismo. Secondo Salvati e Dilmore, recenti sviluppi politici, economici e culturali stanno (forse) creando le condizioni per porre termine a questo interregno e aprire una nuova fase nella storia del capitalismo nei Paesi avanzati. Come per altre fasi stabili del capitalismo, i confini tra stato e settore privato, tra efficienza/inefficienza dei mercati e sostenibilità sociale e ambientale dovranno essere ridefiniti per fornire una risposta alla tensione permanente, ora sotterranea, ora esplosiva, fra la libertà economica e l’esigenza di assicurare al più gran numero di cittadini le migliori condizioni di benessere. Questa tensione ha definito tutta la storia del capitalismo nei regimi politici liberaldemocratici e ne ha articolato le grandi narrative. Davanti a noi abbiamo un nuovo decennio e la responsabilità di trovare una nuova narrativa per una nuova era. Questo è un libro politico scritto da due economisti e ha l’urgenza di una scommessa che può essere vinta.

Usufruire del servizio di prestito in Biblioteca è semplicissimo. E’ sufficiente aver compiuto 18 anni ed avere la tessera della Biblioteca. La tessera della Biblioteca ACCLAVIO si ottiene compilando un modulo ed esibendo un documento di identità valido.

Il prestito ha una durata di 30 giorni e può essere prorogato per ulteriori 30 giorni se l’opera non è stata, nel frattempo, prenotata da altri lettori o lettrici. Il prestito prevede di chiedere un massimo di 4 libri  per volta.

Se vuoi saperne di più vienici a trovare, in via Salinella 31 a Taranto, il servizio di accoglienza è a tua disposizione: da lunedì a venerdì, dalle ore 09.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.00. Puoi anche telefonarci allo 0994581172 o inviarci la tua richiesta di informazioni a infobiblio@comune.taranto.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.