La guerra dentro. Martha Gellhorn e il dovere della verità

tanti i nuovi libri in biblioteca pronti per essere letti da te

«A Martha Gellhorn», recita la dedica della prima edizione di Per chi suona la campana, il capolavoro di Ernest Hemingway. Tutto qui, un nome e un cognome: quelli della più grande corrispondente di guerra del Novecento. La donna che con Hemingway ha mosso i primi passi da giornalista sul campo, nel 1937, a Madrid sotto le bombe. Che presto è diventata più brava di lui nel mestiere di raccontare i fatti. Che lo ha amato, sposato, lasciato, in un’appassionata storia d’amore tinta di rivalità. E che per tutta la vita ha avuto una sola missione: «Andare a vedere». I reportage rigorosi e avvincenti di Gellhorn coprono i fronti più caldi del secolo breve: è stata sul confine della Finlandia durante l’invasione russa (trovando il tempo per una cena con Montanelli) e accanto alle truppe alleate a Montecassino; è stata la prima reporter donna a sbarcare sulle spiagge della Normandia e poi a entrare a Dachau liberata dagli americani. È andata in Vietnam, decisa a smascherare le menzogne della propaganda ufficiale Usa. Una carriera attraversata dalla gloria e dalla tragedia, segnata dalla solitudine delle donne indipendenti e controcorrente. Oggi le guerre sono cambiate, l’ingiustizia ha preso altre forme, ma nessuno dei problemi contro cui Martha ha passato la vita a battersi è stato risolto. Sono sempre i più poveri, a cui lei ha saputo dar voce, a pagare i conflitti militari ed economici. Sono ancora le donne, come è successo a lei, a dover faticare di più per farsi strada, in guerra come in pace. In queste pagine, che illuminano gli anni più folgoranti di Gellhorn, la sua voce si intreccia con quella di Lilli Gruber, che interpella anche altri grandi corrispondenti. Raccontando, di battaglia in battaglia, la bellezza e la responsabilità del giornalismo in un tempo che ha più che mai bisogno di verità.

Usufruire del servizio di prestito in Biblioteca è semplicissimo. E’ sufficiente aver compiuto 18 anni ed avere la tessera della Biblioteca. La tessera della Biblioteca ACCLAVIO si ottiene compilando un modulo ed esibendo un documento di identità valido.

Il prestito ha una durata di 30 giorni e può essere prorogato per ulteriori 30 giorni se l’opera non è stata, nel frattempo, prenotata da altri lettori o lettrici. Il prestito prevede di chiedere un massimo di 4 libri  per volta.

Se vuoi saperne di più vienici a trovare, in via Salinella 31 a Taranto, il servizio di accoglienza è a tua disposizione: da lunedì a venerdì, dalle ore 09.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.00. Puoi anche telefonarci allo 0994581172 o inviarci la tua richiesta di informazioni a infobiblio@comune.taranto.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.